Gruppo Torinese Trasporti S.p.A
Pubblica amministrazione

Appalto 117/2020 – Piano sanitario GTT. Attività medico legali disciplinate dal D.P.R. 753/80 e dal DM 88/1999 e attività da affidare al "Medico Competente" CIG 8499114ABD.

Oggetto: Appalto 117/2020 – Piano sanitario GTT. Attività medico legali disciplinate dal D.P.R. 753/80 e dal DM 88/1999 e attività da affidare al "Medico Competente" CIG 8499114ABD.
Tipo di fornitura:
  • Servizi
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 1.315.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 1.315.000,00
CIG: 8499114ABD
Stato: In svolgimento
Centro di costo: Ufficio Acquisti
Data pubblicazione: 16 dicembre 2020 18:30:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 08 gennaio 2021 12:00:00
Data scadenza: 18 gennaio 2021 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • Documento di Identità
  • Cauzione - Fidejussione
  • Eventuali documenti integrativi
  • ISTANZA DI AMMISSIONE
  • REFERENZA BANCARIA
  • MODULO CAPACITA' TECNICA
  • ELENCO DEL PERSONALE MEDICO IN POSSESSO DEI REQUISITI PREVISTI DALLA NORMATIVA VIGENTE
  • VISURA CAMERALE

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
Determinazione di aggiudicazione 29/03/2021 18:47 Atti di aggiudicazione
CURRICULUM PRESIDENTE AVV. FORTUNATO 18/01/2021 13:03 Curriculum commissari
CURRICULUM COMPONENTE ING. FRONDUTI 18/01/2021 13:04 Curriculum commissari
CURRICULUM COMPONENTE SIG. BERTOLUSSO 18/01/2021 13:07 Curriculum commissari
NOMINA COMMISSIONE GIUDICATRICE 18/01/2021 13:02 Determina di nomina della commissione di gara
Verbale della seduta pubblica del 18.01.2021 05/02/2021 12:14 Verbali
Verbale della seduta pubblica del 1.02.2021 - ammissione dei concorrenti 05/02/2021 12:15 Verbali

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N. 1

Risposta:

Appalto 117/2020 – Piano sanitario GTT – Attività medico legali relative a tutto il personale addetto all’esercizio disciplinate dal D.P.R. 753/80 e D.M. 88/1999 e attività sanitaria da affidare al “Medico Competente” –

CIG 8499114ABD

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N.1

Si intende rispondere al seguente quesito:

D.1.   Il DM 88/99 prevede che gli accertamenti sanitari ad esso relativi possano essere effettuati solo da due tipologie di enti, così individuati:

• articolo 6, comma 1: “prioritariamente dalla direzione sanità delle Ferrovie dello Stato e dalle sue dipendenze periferiche”;

• art. 6, comma 2: “all’occorrenza e qualora tecnicamente possibile… a cura degli Organi del Servizio Sanitario Nazionale”, quali sono quelli elencati nel Disciplinare di gara GTT al punto II.2.ii (ASL, Aziende Ospedaliere, Aziende Ospedaliere Universitarie, Presidi del Servizio Sanitario Nazionale).

La gara GTT individua un unico soggetto come erogatore delle prestazioni sia del D.Lgs. 81/08 che del DM 88/99: visto che, per quanto riguarda il D.Lgs. 81/08, non constano indicazioni normative cogenti concernenti lo status giuridico degli Enti titolati (del tipo di quelle sopra richiamate), le quali, invece, sono previste per il DM 88/99, si chiede se l’aver menzionato nel suddetto punto II.2.ii anche le “strutture private autorizzate”, sia relativo unicamente ai fini di quanto disposto dall’art. 13 del Capitolato di gara GTT in materia di subappalto.

E cioè:

• se s’intenda che la direzione medica delle Ferrovie dello Stato e gli organi del Servizio Sanitario Nazionale, soli titolati all’effettuazione degli adempimenti del DM 88/99, abbiano facoltà di valersi della possibilità di subappaltare parte delle prestazioni effettuate anche a strutture private;

• se, in tal caso, il subappalto sia possibile solo per prestazioni del D.Lgs. 81/08 oppure anche per eventuali accertamenti complementari del DM 88/99;

• ovvero se, in caso contrario, siano intervenute variazioni nel disposto normativo che consentano l’effettuazione in toto delle prestazioni di cui al DM 88/99 anche ad altri soggetti rispetto a quelli elencati al citato art. 6 del medesimo;

 • ovvero se, infine, l'inclusione delle summenzionate strutture private sia dovuta a un'imprecisione nella redazione del Disciplinare di gara.

R.        Considerato che tutte le singole prestazioni relative al D.M. 88/1999, sia in caso di ATI sia in caso di subappalto, devono essere effettuate dai soggetti legittimati, il disciplinare di gara va inteso nel senso che un operatore diverso da RFI, ASL, AOU e Presidi del Servizio Sanitario Nazionale non rientrante quindi tra i soggetti di cui all'art. 6.2 D.M. 88/1999, può partecipare o in ATI con RFI o uno di tali enti (Asl,  Aou e Presidi del S.S.N.) oppure deve dichiarare, a pena di esclusione, di voler subappaltare le prestazioni del D.M. 88/1999 ai soggetti legittimati per legge a svolgere tali prestazioni. Trattandosi di subappalto necessario il concorrente è tenuto a dichiarare in fase di gara il nominativo del subappaltatore, senza allegare obbligatoriamente altra documentazione.  

E’ possibile poi che la Direzione medica di RFI o gli Organi del Servizio Sanitario Nazionale possono subappaltare le prestazioni che riguardano servizi complementari ovvero quelle del D. Lgs 81/2008 ad altri operatori nei limiti del 40% dell'importo dell'appalto.

Ove il subappalto sia “necessario” il concorrente è tenuto a dichiarare in fase di gara il nominativo del subappaltatore, senza allegare obbligatoriamente altra documentazione.

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

                        (Giovanna Boggiatto)

 

DOCUMENTO FIRMATO IN ORIGINALE

FAQ n. 2

Domanda:

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N. 2

Risposta:

Appalto 117/2020 – Piano sanitario GTT – Attività medico legali relative a tutto il personale addetto all’esercizio disciplinate dal D.P.R. 753/80 e D.M. 88/1999 e attività sanitaria da affidare al “Medico Competente” –

CIG 8499114ABD

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N.2

Si intende rispondere al seguente quesito:

D.1.     Nella griglia per l'attribuzione del punteggio tecnico vengono richiamati articoli del capitolato il cui contenuto non corrisponde a quello oggetto del criterio di attribuzione del punteggio; (es. al punto a4 esperienza del medico coordinatore si fa riferimento all'esperienza richiamata nell'art. 4 del capitolato, ma dagli atti di gara pubblicati, a tale articolo non corrisponde nessuna esperienza; e così anche per il criterio a7 minor tempo intercorso tra la richiesta di visita di GTT e la data di effettuazione della visita così come previsto dall'art. 6, viene richiamato l’art. 6 del capitolato che non contiene alcun riferimento al tempo intercorso; idem per il criterio b4 minor tempo intercorso tra l’effettuazione della visita e la data di consegna degli esiti come previsto dall’art. 6 del capitolato. Si chiede di pubblicare gli atti di gara a cui tale griglia fa riferimento.

R.       Con riferimento alla Tabella Punteggi, alla correlata SCHEDA OFFERTA TECNICA  e agli articoli del Capitolato richiamati nelle stesse, si precisa che gli articoli del capitolato sono da intendersi integrati con quanto sotto riportato:

  • criterio A.4) - Esperienza del Medico Coordinatore:
  • è richiesto il possesso da parte del Medico Coordinatore di un’esperienza nel ruolo almeno triennale ;
  • criterio A.7) - Minor tempo intercorso tra la richiesta di visita di GTT e la data di effettuazione della visita:
  • è richiesta l’effettuazione della visita medica al massimo entro dieci giorni dalla richiesta di GTT salvo miglioramento offerto;
  • criterio B.4) - Minor tempo intercorso tra l’effettuazione della visita e la data di consegna degli esiti:
  • è richiesta la consegna degli esiti della visita entro dieci giorni dall’effettuazione della stessa  salvo miglioramento offerto.

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

                        (Giovanna Boggiatto)

DOCUMENTO FIRMATO IN ORIGINALE

FAQ n. 3

Domanda:

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N. 3

Risposta:

Appalto 117/2020 – Piano sanitario GTT – Attività medico legali relative a tutto il personale addetto all’esercizio disciplinate dal D.P.R. 753/80 e D.M. 88/1999 e attività sanitaria da affidare al “Medico Competente” –

CIG 8499114ABD

 

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N. 3

 

Si intende rispondere al seguente quesito:

D.1.   A pagina 13 del Capitolato, nelle “Modalità di esecuzione del servizio”, è detto che:

“le visite di base verranno effettuate presso gli stabilimenti Gerbido, Venaria, San Paolo, Tortona e Nizza e, a richiesta di GTT, presso i comprensori di Collegno, Rivarolo, Ivrea, Canale ed altri siti di volta in volta indicati”. Deve dunque intendersi che tutta la sorveglianza sanitaria periodica, sia ex DM 88/99 (875/anno) che ex D.Lgs. 81/08 (1050/anno), incluse le valutazioni per assenza di alcol dipendenza (3620/anno), le valutazioni di primo livello per la dipendenza da sostanze psicotrope e stupefacenti (3500/anno), sia per quanto riguarda le attività mediche che per quelle infermieristiche, comprese le attività di prelievo ematico e/o urinario, i test etilometrici e tutti gli accertamenti strumentali effettuabili con strumenti portatili, deve essere effettuata presso le sedi degli stabilimenti e dei comprensori GTT sopra indicati, con trasferta in compresenza del medico e dell’infermiere?

Deve inoltre intendersi che i lavoratori GTT vengono convocati presso le sedi degli stabilimenti e dei comprensori GTT sopra indicati in un’unica volta, per l’effettuazione contemporanea sia degli accertamenti relativi al DM 88/99, che di quelli relativi al D.Lgs. 81/08?

R.   si conferma che tutta la Sorveglianza Sanitaria periodica sia ex D.M. 88/99 che ex D.Lgs.81/08 è da effettuarsi presso gli Stabilimenti GTT indicati in capitolato con trasferta in contemporanea sia del personale medico che infermieristico, salvo i casi in cui gli accertamenti diagnostici, resi necessari oltre a quelli da protocollo, richiedano l’uso di strumentazioni non trasportabili .

        Ferme restando le esigenze di servizio, le conseguenti relative possibilità di spostamento del personale GTT da sottoporre ad accertamenti e le scadenze previste dalla normativa, si conferma che l’effettuazione degli accertamenti ex D.M. 88/99 e ex D.Lgs.81/08 devono essere effettuate in contemporanea.

 

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

                        (Giovanna Boggiatto)

        DOCUMENTO FIRMATO IN ORIGINALE

FAQ n. 4

Domanda:

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N. 4

Risposta:

Appalto 117/2020 – Piano sanitario GTT – Attività medico legali relative a tutto il personale addetto all’esercizio disciplinate dal D.P.R. 753/80 e D.M. 88/1999 e attività sanitaria da affidare al “Medico Competente” –

CIG 8499114ABD

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N.4

Si intende rispondere al seguente quesito:

D.1.   La scrivente intende partecipare alla procedura di gara in oggetto che è costituita da un lotto unico avente ad oggetto servizi di cui al DM 88/99 di competenza esclusiva degli OOSSN e servizi di cui al D.Leg.vo 81/2008.

Per tale motivo la scrivente deve individuare un organismo del Servizio sanitario Nazionale cui proporre in conformità di quanto previsto dal codice degli appalti la gestione dei servizi del D.M.88/99 .Sulla base di quanto previsto in appalto e comunicato in risposta a quesiti circa la legittimità di affidare ai “presidi del servizio sanitario nazionale “ o a “strutture convenzionate “ gli accertamenti di cui al D.M. 88/99 la scrivente potrebbe orientare la sua scelta di collaborazione con una casa di cura privata accreditata con il Servizio sanitario Nazionale per l’esecuzione in convenzione per le prestazioni di ricovero e cura con connessi esami di laboratorio ed accertamenti diagnostici.

La concorrente ritiene indispensabile avere conferme della stazione appaltante circa la possibilità di affidare in sub appalto i servizi di cui sopra al fine di evitare un errore nella scelta (del soggetto appaltatore ) che potrebbe produrre gravi danni - a seguito di ricorso di altro concorrente- per la revoca dell’appalto eventualmente acquisito oltre che la non validità di accertamenti sanitari eseguiti - ai sensi del DM.88/99 - da soggetti non legittimati con indubbi riflessi di responsabilità anche in caso di incidenti stradali riferibili alla errata valutazione dei requisiti di idoneità degli autisti.

Per le necessarie valutazioni di codesta Stazione appaltante e per i riflessi che tali valutazioni potranno avere sulla procedura di gara va segnalato che l’art.1 della Legge n.833 del 23.12.1978 conferisce la qualità di Organi del Servizio Sanitario Nazionale a soggetti pubblici (Stato, Regioni, e Enti territoriali Consiglio Sanitario Nazionale Istituto Superiore di sanità e cliniche Universitarie ai sensi dell’art.39 ) e che l’art. 6 c.2 del DM 88/99 legittima per l’esecuzione dei relativi accertamenti sanitari esclusivamente gli Organi del Servizio sanitario Nazionale senza menzionare “presidi“ del servizio sanitario nazionale o strutture accreditate con il sistema sanitario nazionale (cliniche, laboratori di analisi, centri diagnostici, case di cura ,ospedali ) che di norma sono legittimate- previo accreditamento ad eseguire per conto degli Organi regionali o territoriali le “specifiche prestazioni “ espressamente previste dagli artt. 25 e 26 della precitata Legge 833 / 78 e cioè “prestazioni di cura“ e “prestazioni di riabilitazione“ senza acquisirne la personalità giuridica di soggetto di diritto pubblico e soprattutto senza le più ampie competenze attribuite dalla Legge a tali Organi del S.S.N. quali ad esempio quelle attribuite alle ASL in ordine alla “prevenzione“, “vigilanza” sulla idoneità delle strutture sanitarie ed anche in ordine alla “vigilanza in materia di sorveglianza sanitaria dei lavoratori“ rilevandosi a tal proposito una possibile conflittualità con i predetti compiti di vigilanza ove tali “presidi” eseguissero essi stessi anche la sorveglianza sanitaria ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 . Parimenti si hanno dei dubbi circa l’esperibilità da parte delle predette strutture accreditate (case di cure, ospedali, centri diagnostici convenzionati) degli accertamenti sanitari relativi alla idoneità psico fisico attitudinale degli addetti all’esercizio del trasporto pubblico che il DM 88/99 affida direttamente agli Organi del Servizio Sanitario Nazionale forse in considerazione del fatto che la loro qualità di soggetti di diritto pubblico super partes possa garantire la dovuta imparzialità tra interessi talvolta contrapposti.

Considerata la delicatezza della questione, si tiene a precisare che le valutazioni della stazione appaltante orienteranno le scelte operative della concorrente che in proposito e chiede specificamente una risposta al seguente quesito e cioè:

“se un soggetto di diritto privato quale una clinica con centro diagnostico, ospedale accreditato e convenzionato con il sistema sanitario nazionale per i sevizi di cui agli art. 25 e 26 della Legge 833/78 è autorizzato dalla Stazione appaltante all’espletamento degli accertamenti sanitari ex dm 88/99 previsti in appalto“;

 ciò perché in caso di risposta affermativa la concorrente dirigerà la sua scelta di ottenere collaborazione da tali soggetti privati in quanto sicuramente meno complessa ed onerosa economicamente rispetto ad un coinvolgimento diretto degli Organi del Servizio sanitario nazionale e non dei citati presidi.

R.    Con riferimento alla possibilità di subappaltare le singole prestazioni relative al D.M. 88/1999 si rimanda integralmente alla comunicazione per i concorrenti n. 1 già pubblicata.

       La partecipazione alla gara è regolata dall’allegato IX del D.Lgs. 50/2016, da quanto previsto dal D.P.R. 753/1980 e D.M. 88/1999 e dal D.Lgs. n 81/2008. Nella presente sede sono ammesse richieste di chiarimenti che non si risolvano nella risposta a quesiti complessi implicanti approfondimenti giuridici non di competenza del RUP.

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

                        (Giovanna Boggiatto)

DOCUMENTO FIRMATO IN ORIGINALE

FAQ n. 5

Domanda:

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N. 5

Risposta:

Appalto 117/2020 – Piano sanitario GTT – Attività medico legali relative a tutto il personale addetto all’esercizio disciplinate dal D.P.R. 753/80 e D.M. 88/1999 e attività sanitaria da affidare al “Medico Competente” –

CIG 8499114ABD

 

COMUNICAZIONE PER I CONCORRENTI N.5

       

Si intende rispondere ai seguenti quesiti:

 

D.      La scrivente al fine di valutare l’opportunità di partecipare alla procedura di gara di cui all’oggetto e formulare la migliore offerta tecnica ha necessità di ottenere le seguenti informazioni e/o chiarimenti e/o conferme dell’interpretazione data alle norme di gara:

Con riferimento ai criteri di attribuzione dei punteggi:

1)  In relazione ai criteri di attribuzione dei punteggi si rileva che per l’attribuzione degli stessi in più occasioni la stazione appaltante precisa che “il punteggio sarà attribuito mediante la formula riportata nella colonna denominata “Modalità di attribuzione”. In proposito ad eccezione dei criteri A/1, A/2, A/6 tale formula non viene sempre indicata nella precitata colonna.

Si prega pertanto di voler precisare la formula applicabile per ognuno dei suddetti criteri sprovvisti di formula ed in ogni caso il punteggio acquisibile entro un ragionevole livello “minimo” ed un livello “massimo” cosi come previsto per i criteri A/1, A/2, A/6 . Ciò anche al fine di evitare offerte “fantasiose” che non hanno alcun riferimento con le esigenze o necessità dell’appalto ma sono finalizzate esclusivamente all’ottenimento del maggior punteggio. A titolo esemplificativo, in relazione al “criterio B/3”, quanti punti spetterebbero a chi offre 20 ore di disponibilità di personale amministrativo presso l’ambulatorio GTT e presso la struttura dell’affidatario e quanti punti spetteranno a che ne offre 16 o 12. Tale informativa risulta indispensabile per ogni valutazione dei concorrenti in ordine all’offerta tecnica a presentarsi;

2)  In relazione al criterio A/4, la Stazione appaltante ha precisato nella risposta a quesiti che verrà valutata l’esperienza ultra triennale del medico competente che si intende proporre nel ruolo di coordinatore ma occorre conoscere quale sia l’attribuzione dei punteggi riferibili ad ognuno dei predetti anni di esperienza.

R.      Nella tabella denominata “criteri di attribuzione dei punteggi” sono riportati per ciascuno dei sub criteri il relativo peso e anche le relative modalità di attribuzione dei punteggi che contengono per tutti i sub criteri la formula che in alcuni casi è del tipo on/off ovvero legate a quantità specifiche offerte, in altri casi prevede la proporzionalità inversa. Salvo specifici casi per i quali il capitolato prevede un valore minimo, per gli altri non essendo previsto tale valore minimo i punteggi saranno assegnati in base alle offerte presentate.

si tratta cioè di una formula “interdipendente” secondo la quale il punteggio assegnato ad un concorrente non è predeterminato ma è definito in funzione dei valori offerti dagli altri concorrenti.

3)  Nel criterio B/3 è previsto un punteggio per le ore di “presenza presso l’ambulatorio GTT di via Manin di personale amministrativo”. La concorrente ritiene che trattandosi anche di attività sanitaria con trattamento di dati sensibili, per personale amministrativo si possa intendere anche personale parasanitario o medico.

R.           la scelta relativa alla figura professionale da adibire è totalmente a discrezione del concorrente.

3.1)   Si chiede conferma dell’interpretazione su data e nel contempo al fine di poter indicare una offerta competitiva occorre conoscere quali siano i giorni della settimana e quale sia il numero di ore massimo di disponibilità a concedersi con riferimento agli orari di apertura e chiusura degli uffici di GTT in occasione delle sedute di visita essendo evidente che il personale della concorrente non potrà utilmente trattenersi nei Vs uffici oltre tale orario.

R.           si conferma l’impegno richiesto in capitolato di almeno 100 h mensili del personale sia medico che infermieristico da utilizzarsi indicativamente nei giorni feriali in orario compreso tra le h. 6,00 e le h. 18,00 come da programmazione che sarà comunicata da GTT con cadenza mensile.

4)  Con riferimento al criterio D.1, la concorrente ritiene indispensabile conoscere cosa si intenda per “terapia iniettiva” ed al fine di determinare l’offerta economica in funzione di tale impegno ritiene necessario conoscere almeno a livello di previsione il numero dei dipendenti ed ex dipendenti che nel corso dell’ultimo biennio hanno usufruito delle prestazioni indicate nel suddetto criterio e quale corrispettivo è previsto. Tanto è necessario anche al fine di assicurare la “par condicio” dei concorrenti rispetto al precedente gestore del servizio che è a conoscenza di tali dati.

R.           Per terapia iniettiva si intende l’effettuazione di iniezioni intramuscolari. Nell’ultimo biennio non risultano richieste da parte dei dipendenti e/o ex dipendenti. Tale prestazione è effettuata se del caso a titolo gratuito.

5)  Con riferimento ai criteri C/1, C/2, C/3 in assenza di precise diverse indicazioni la concorrente ritiene che nella relativa offerta tecnica dovrà essere indicato il numero di ore che saranno dedicate alla formazione interna dei medici, personale infermieristico e personale amministrativo. Si chiede conferma della suddetta interpretazione.

R.           si conferma.

5.1)   La concorrente interpreta inoltre che nel computo delle predette ore di formazione debba considerarsi solo quella ad effettuarsi esclusivamente nel biennio di esecuzione dell’appalto GTT e non anche le ore di formazione e/o di pregressa esperienza formativa maturata dalle predette figure nel corso di esecuzione di altri appalti avente ad oggetto i medesimi servizi D.Leg.Vo 81/2008 e DM 88/99.

R.           si conferma.

6)  Con riferimento al capitolato tecnico e Disciplinare di gara.

Al fine di predisporre una adeguata organizzazione del servizio con particolare riguardo agli impegni di lavoro da prospettare ai vari soggetti coinvolti nell’esecuzione delle attività di sorveglianza sanitaria (medici competenti, infermieri, strutture diagnostiche e di laboratorio) la concorrente ha necessità di conoscere lo “scadenzario” delle visite mediche ad effettuarsi nel corso dell’appalto presso ciascun sito di lavoro in conformità del piano di sorveglianza sanitario che dovrà essere redatto dal medico competente ai sensi dell’articolo 25 del D.Leg.vo 81/2008. Tale comunicazione è essenziale per predisporre la migliore organizzazione del servizio ed al fine di presentare la migliore offerta tecnica ed economica in una situazione di “par condicio” con il precedente gestore del servizio che è a conoscenza dei predetti dati. In assenza di precise indicazioni la concorrente interpreta che l’affidataria dovrà tarare una organizzazione di lavoro che preveda un massimo di ore 100 mensili per far fronte alle esigenze dell’appalto organizzando in tale ambito le specifiche sedute di visita che programmerà sia in funzione del numero dei lavoratori a visitarsi sulla base dello scadenzario di poi acquisito che in ragione delle varie tipologie di accertamenti sanitari cui gli stessi dovranno essere sottoposti con riferimento al D.Leg.vo 81/2008 o del DM 88/99 o dei controlli alcool /sostanze stupefacenti e/o psicotrope.

R.           Si conferma l’impegno mensile richiesto di almeno 100h.  Lo scadenziario relativo alla sorveglianza sanitaria è quello:

-  del DM 88/99 (fasce di età dei lavoratori)

- del D.Lgs 81/2008 (stabilito dal Protocollo di Sorveglianza Sanitaria)

 

7)  Nel capitolato tecnico si legge che “le visite mediche di base … richiederanno un impegno mensile sia del personale medico che infermieristico di almeno 100 ore”. Ai fini di realizzare la “par condicio” dei concorrenti e di prospettare ai vari soggetti coinvolti nell’esecuzione delle attività di sorveglianza sanitaria, la concorrente ha necessità di conoscere il numero delle sedute di visita programmate nell’ultimo anno con indicazione del numero dei lavoratori visitati nei singoli siti di lavoro o presso struttura dell’affidatario; ciò si rende necessario per programmare gli impegni complessivi di lavoro a richiedersi ai soggetti (medici, infermieri, amministrativi, strutture di laboratorio e diagnostiche) che soni coinvolti nell’esecuzione dei servizi. In assenza di precise indicazioni la concorrente dovrà ritenere che le sedute di visita a programmarsi terranno conto come per legge degli scadenzari, della programmazione e dei protocolli sanitari predisposti dal medico ai sensi dell’art. 25 del D.Leg.vo 81/2008.

R.           Si conferma l’impegno mensile richiesto in capitolato di almeno 100 h mensili. Relativamente al n. di lavoratori visitati nei singoli siti GTT annualmente si riporta di seguito quanto indicato alla parte II del capitolato di gara:

I siti presso i quali sono presenti ambulatori medici sono 7 e precisamente:

  • Stabilimento Venaria a cui faranno riferimento per le visite circa 650 persone/anno;
  • Stabilimento Gerbido a cui faranno riferimento per le visite circa 700 persone/anno;
  • Stabilimento San Paolo a cui faranno riferimento per le visite circa 550 persone/anno;
  • stabilimento Nizza a cui faranno riferimento per le visite circa 450 persone/anno;
  • stabilimento Tortona/Manin a cui faranno riferimento per le visite circa 800 persone/anno;
  • Comprensorio Metro/Collegno a cui faranno riferimento per le visite circa 200 persone/anno
  • Rivarolo (per il personale adibito al servizio sulle due tratte ferroviarie Torino-Ceres e Torino-Pont Canavese) a cui, attualmente, fanno riferimento per le visite circa 150 persone/anno.

 

8)  Con riferimento ai protocolli sanitari di cui al D.Leg.vo 81/2008 nei protocolli sanitari declinati in appalto risultano poco chiare le periodicità degli accertamenti: Infatti nella colonna periodi sono per le medesime qualifiche si rilevano periodicità diverse (es. Personale viaggiante 12 mesi e poi periodicità di cui al DM 88/99 – centrale operativa parcheggi mesi 12 o 24 , o 60 …. ) La concorrente per organizzare il lavoro e produrre una adeguata offerta tecnica ed economica ha necessità di ottenere i protocolli sanitari per ogni qualifica di lavoratori in cui viene indicata l’esatta periodicità e la tipologia di accertamenti sanitari a praticarsi) con particolare riferimento al personale viaggiante (Autisti….)

In assenza di tanto la concorrente ritiene che per il suddetto personale viaggiante,stazione (metro e ferro) re oltre agli accertamenti sanitari da eseguirsi con le periodicità di cui al D.M 88 è prevista con periodicità annuale esclusivamente la visita medica orientata ed i controlli alcol/sostanze stupefacenti senza necessità di ulteriori accertamenti in quanto non desumibili dai rischi rappresentati nel DVRI.

Si chiede conferma dell’interpretazione su data.

9)  Per quanto attiene i protocolli sanitari relativi alla sorveglianza sanitaria ex D.Leg.vo 81/2008 in favore del personale viaggiante/operatori di esercizio (lavorazione Trasporti con pat c-d-e-) non si comprende bene quale sia il protocollo sanitario attualmente in uso per le visite di sorveglianza sanitaria periodica.

Infatti nei protocolli in uso redatti da Umanitas appare Unificato/accorpato in maniera “confusionale” il protocollo sanitario effettuato ai sensi del D.leg.Vo 81/2008 con quello del Dm 88/99 per tutto il personale viaggiante.

Risulta infatti equivoco e forviante il protocollo sanitario di sorveglianza sanitaria predisposto per le visite periodiche annuali da eseguirsi in favore del personale viaggiate (operatori di esercizio con pat c-d-e) dove sono ricompresi esami propri del Dm 88/99 e non del D.leg.Vo 81/2008 come la effettuazione dei test Psicoattitudinale (esame proprio del protocollo sanitario del Dm 88/99).

Risultano altresì di indubbia esecuzione anche gli ulteriori esami previsti quali: EcG, Spirometria e audiometria e molti esami di laboratorio che come detto rientrano tra quelli previsti nel Dm 88/99 per i quali tra l’altro sembrerebbe essere richiesta una periodicità annuale come indicato appunto nella colonna periodicità (12 secondo Dm88/99) mentre dovrebbero invece essere eseguiti secondo le scadenze proprie del Dm 88/99.

Al fine di poter effettuare la migliore offerta economica occorre necessariamente comprendere bene quale sia il protocollo sanitario da adottare almeno per le visite di sorveglianza sanitaria periodica in favore del personale viaggiante/operatori di esercizio. Nel caso in cui realmente fossero previsti in capo al personale viaggiante i presenti esami EcG, Spirometria e audiometria, nonché gli esami di laboratorio ( emocromo, ves.creatinina, ast, alt, ggt HbA1, es urine) con periodicità annuale Vi preghiamo di confermarci la presenza del rischio nel DVRI aziendale che ne giustifichi la presenza (es EcG per operatore di esercizio in quanto nel Dvr aziendale è previsto il rischio di movimentazione dei carichi…ed ancora quale è il rischio che giustifica il controllo ergoftalmologico del personale viaggiante come ad es l’autista che tuttalpiù ai sensi del D.LegVo 81/2008 dovrebbe eseguire il questionario posturale e non certo l’esame ergoftalmologico) in alternativa riterremo che detti esami debbano essere eseguiti soltanto in fase di visita di revisione periodica e solo relativamente alle visite effettuate ai sensi del DM 88/99 e che solo per puro errore sono stati introdotti nel protocollo sanitario relativo alla Sorveglianza Sanitaria e/o che gli stessi siano da intendersi solo eventuali. Riteniamo pertanto che gli esami di Sorveglianza Sanitaria periodica da eseguirsi almeno una volta l’anno in favore del personale viaggiante/operatori di esercizio sono i seguenti : “Visita Medica ed annamnesi, test Alc/tox”,TEST AUDIT(psicologico analitico) e come esame eventuale in funzione della presenza del rischio o meno nel Dvr del questionario posturale.

L’esecuzione di accertamenti strumentali e di laboratorio quali (EcG, Spirometria e audiometria ergoftalmologico, emocromo, ves, creatinina, ast, alt, ggt HbA1, es urine) di norma non previsti nei protocolli sanitari del d.Leg.vo 81/2008 ed oltre a comportare un indebito aggravio economico per la stazione appaltante costituirebbero una violazione sanzionabile dalla Asl sulla base del principio che non è lecito sottoporre, anche secondo norme di buona prassi sanitaria, i lavoratori ad esami /accertamenti sanitari in eccesso ai rischi evidenziati nel DVR. Quesiti protocolli da DM 88/99 relative a tutto il personale addetto all’esercizio dpr 753/80 r dm 88/99

R.        Si rimanda all’allegato 1 al capitolato di gara “Nuovo Protocollo di sorveglianza sanitaria GTT” redatto dall’attuale Medico Competente, precisando che è da intendersi come segue: “tutte le prestazioni e i periodismi previsti dal DM 88/99 sono indicati  graficamente all’interno delle parentesi quadre”

10)  Relativamente alle visite di assunzioni sembrerebbe incluso nel protocollo sanitario anche la RMN colonna LS, tale tipo di esame sembrerebbe allo stato non più in uso essendo stato abrogato dalla direttiva Euratom (direttiva 2013/59/Euratom del Consiglio dell’Unione Europea, articolo 35 del trattato Euratom, gli Stati membri provvedono affinché sia messo a punto ...il divieto di impiegare o classificare lavoratori non idonei). SI chiede conferma della eliminazione del predetto esame RMN colonna LS dal protocollo sanitario previsto per le visite di assunzione.

Si resta in attesa di cortesi chiarimenti su quanto richiesto ed in proposito considerato che negli atti di gara vi sono omissioni o imprecisioni che non hanno consentito di definire la migliore organizzazione del servizio e soprattutto la migliore selezione dei vari soggetti al fine di ottenere il massimo punteggio previsto per l’offerta tecnica.

R.        La risonanza magnetica della colonna lombosacrale è stata indicata nel protocollo di sorveglianza sanitaria per la visita di ammissione in servizio poiché ai sensi di quanto previsto dal dm 88/99: “gli agenti da adibire alla guida di autobus di linea, di filobus e di automezzi aziendali diversi dalle autovetture sono sottoposti, se non sono disponibili analoghi accertamenti effettuati di recente presso strutture pubbliche, ad esami radiografici del rachide in varie proiezioni. Sono dichiarati non idonei alle predette mansioni di autista coloro che presentano, soprattutto a carico dei vari elementi della colonna vertebrale, malformazioni, deviazioni, fatti infiammatori o degenerativi, trasformabili col tempo, e sotto lo stimolo di sollecitazioni meccaniche, in veri e propri fatti morbosi invalidanti.” e’ stato preferito tale esame diagnostico sia per evitare l’esposizione a radiazioni ionizzanti sia per sfruttare la maggior valenza diagnostica.

 

D.   Per tale motivo la concorrente sottopone a codesta stazione appaltante l’opportunità di un breve slittamento dei termini per la proposizione dei quesiti e per la presentazione dell’offerta.

R.   Tenuto conto della riduzione dei termini di scadenza per la presentazione delle offerte previsti dal Decreto Semplificazioni, che non sono pervenute istanze di proroga da altri operatori, si confermano i termini stabiliti nei documenti di gara.

 

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

                                                             (Giovanna Boggiatto)

                                         DOCUMENTO FIRMATO IN ORIGINALE